Seleziona una pagina

HERITAGE

CULTURA

STORIA

Quella di Manteco è una storia fatta di piccole e grandi intuizioni, di passione, cura, attenzione per il prodotto e artigianalità.
Un percorso lungo 75 anni che nasce dalla conoscenza delle materie prime e che è iniziato nel 1943 a Prato, grazie all’intuizione di Enzo Mantellassi, che avvia una manifattura per produzione di tessuti per capispalla in un periodo in cui l’Italia e l’Europa venivano scosse dai venti di guerra. Nel 1967 il figlio Franco prende le redini dell’azienda, facendola crescere e diventare un modello di responsabilità, innovazione e sostenibilità espandendo i mercati ben oltre i confini nazionali ed europei.

Oggi il presente di Manteco si concretizza nel lavoro dei figli, Marco e Matteo Mantellassi, gli interpreti di una nuova storia che si basa su un know-how unico, forte di un archivio di oltre 40.000 pezzi e con una capacità produttiva di oltre 7 milioni di metri di tessuto all’anno.

MADE IN ITALY

Manteco è sempre rimasta fedele alla tradizione del Made in Italy rifiutandosi di delocalizzare la produzione in paesi dove il costo della manodopera è inferiore. Una scelta che ha permesso di mantenere un’elevata qualità e cura nei dettagli e nella produzione dei tessuti, garantendo un’eccellente servizio per i propri clienti.
Il prodotto Manteco racchiude in sè il giusto equilibrio tra artigianalità e industrializzazione, grazie all’esperienza e tradizione applicate a macchinari all’avanguardia.

INTERNAZIONALITÁ

Oggi Manteco esporta in più di 30 paesi nel mondo e annovera tra i suoi principali clienti le più importanti Maison della moda su scala internazionale, insieme alle quali garantisce uno sviluppo del settore sostenibile e controllato.
L’attività di export dei nostri tessuti è svolta in numerosi paesi del mondo ed è supportata da un Customer Service attento alle esigenze del mercato.

ISPIRAZIONE

TREND HUNTING

Manteco segue costantemente le evoluzione del mercato e ne anticipa le esigenze tramite le competenze di uno specifico reparto stilistico e tecnico che progetta e produce interamente in Italia.

Importanti investimenti, trend scouting, viaggi internazionali, ricerca e sviluppo sono il punto di partenza per la creazione di una collezione che diventerà punto di riferimento per i designer di tutto il mondo.

 

ARTE

Manteco è un incubatore di idee, dove si incontrano passato e futuro, artigianato e tecnologia, avanguardia e salvaguardia.Il connubio fra moda e arte è un fil rouge che contraddistingue da sempre l’azienda, uno scambio che alimenta creatività e stimola nuovi progetti.

FABIO DE POLI E MANTECO

Una collaborazione speciale fra l’artista (pittore, designer e scultore ) Fabio De Poli e Manteco, che ha visto nascere una collezione di opere esclusive costruite con tessuti prodotti dall’azienda.

Accade così che ancora una volta arte, moda e cultura si incontrino da Manteco.

WATERBONES: LORIS CECCHINI E MANTECO

 

Nel 2018, in occasione dei 75 anni di attività dell’azienda, Manteco ha deciso di festeggiare con due partner di eccezione: Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, al suo 30esimo anno dalla fondazione e Lungarno Collection, compagnia di hotellerie di lusso dalla spiccata attitudine artistica. Un evento speciale, con focus su due temi cari all’azienda: Arte e Natura.

Un binomio che trova il perfetto interprete in Loris Cecchini, artista multidisciplinare che per l’occasione ha creato un’opera site-specific sulle pareti del Gallery Hotel a Firenze.

L’opera, realizzata attraverso la fabbricazione industriale e il montaggio artigianale, racconta un mondo naturale e minerale attraverso rimandi biologici e architettonici, creando una particolare atmosfera al confine tra poesia, scienza e ambiente.

Trasformare la struttura frattale di “Waterbones” in tessuto è stato un progetto ambizioso, sul quale Loris Cecchini e Manteco hanno lavorato a stretto contatto.

Dopo una lettura bidimensionale del disegno delle ossa d’acqua su fibre tessili lo studio si è evoluto verso la tridimensionalità per ricreare la poetica metafora dell’installazione, fluttuante e mutevole, evocativa e ricca di rimandi alla natura.

Così come “Waterbones” è il risultato dell’intreccio di più discipline – ingegneria, scultura, design, biologia – così è stato anche per il tessuto/copertina di un esclusivo libro in edizione limitata, involucro d’avanguardia e punto di arrivo di un lavoro che unisce artigianalità e tecnologia.

L’installazione è recentemente entratata a far parte dell’azienda, arricchendo con la sua leggerezza e mutabilità l’headquarters.